Categorie
Notizie

Mal d’orecchio nei bambini: come riconoscerlo e curarlo

Le infezioni alle orecchie sono generalmente dovute a batteri o a virus. Spesso sono collegate a mal di gola, raffreddore, influenza o altri stati infettivi dell’apparato respiratorio. Un orecchio infettato da un virus o da batteri tende a gonfiarsi e a formare un accumulo di liquido dietro il timpano. Tutta l’area infetta genera una certa sofferenza, da cui la denominazione “mal d’orecchio” nel linguaggio di uso comune.

Sintomi di un mal d’orecchio.

Esistono tre tipi di infezioni all’orecchio, ognuna con sintomi specifici combinati fra loro. L’otite media acuta è l’infezione auricolare più comune. Parti dell’orecchio medio sono infette e gonfie di liquido dietro il timpano, causando dolore in chi ne è affetto. Nei bambini spesso questi sintomi sono accompagnati da febbre, disturbi del sonno e pianti dovuti al dolore provato. L’otite media con versamento, è una sorta di “prolungamento” della precedente, qualora rimanga del liquido a stagnare dietro il timpano una volta guarita l’infezione. Questa seconda categoria di mal d’orecchi potrebbe manifestarsi senza sintomi evidenti. Tuttavia il medico di base sarà in grado di diagnosticarla tramite l’otoscopio, uno strumento tecnico che illumina in profondità la parte interna dell’orecchio. L’otite media cronica con versamento si verifica quando il liquido dell’infezione permane nell’orecchio medio per lungo tempo o tende a riformarsi anche quando l’infezione è guarita. Può condizionare il senso dell’udito.

Come curare un mal d’orecchio.

Una volta visitato l’orecchio dolorante tramite otoscopio, il medico rileverà o meno la presenza di un’infezione batterica. In tal caso prescriverà degli antibiotici ad hoc, mentre antidolorifici da banco o gocce per le orecchie potranno essere suggerite o prescritte per attenuare la febbre e calmare il dolore.

Come prevenire il mal d’orecchio.

Una delle migliori strategie per prevenire il mal d’orecchio nei bambini, così come negli adulti, è quella di adottare misure anti-raffreddori e anti-influenzali. In famiglia tutti dovrebbero lavarsi spesso le mani per ridurre il rischio di diffusione di germi e batteri. I bambini dovrebbero ricevere il vaccino contro l’influenza ogni anno e sospendere temporaneamente i contatti con amichetti e compagni malati, fintanto che non guariscono.

Categorie
Notizie

Vitamina D, ricavarla dal sole anche in autunno

«La vitamina D è una molecola chiave per la salute». A sostenerlo è la Fondazione Airc per la ricerca sul cancro, che sottolinea come questa sostanza giochi un ruolo primario nella regolazione di molti processi fisiologici. Ciò è dovuto al fatto che essa si lega a un recettore specifico, presente in diverse parti del corpo. «Il recettore – spiega l’Airc – non si trova solo a livello delle cellule dell’apparato scheletrico, ma anche in molti altri tipi cellulari, da quelli del sistema immunitario a quelli di stomaco, rene, prostata e cervello. Non c’è quindi da stupirsi se gli effetti della vitamina D interessino così tanti aspetti della salute umana». Ed è per questo che, per stare bene, è essenziale non esserne carenti.

Il 90 per cento arriva dal sole.

La caratteristica peculiare della vitamina D è il fatto di non essere presente, se non scarsamente, negli alimenti. I cibi più ricchi di questa molecola sono salmone, olio di pesce e tuorlo d’uovo. Esistono poi alimenti ai quali la vitamina D viene aggiunta. Tuttavia, per assumerla a sufficienza le fonti alimentari non bastano. La buona notizia è che, secondo l’Istituto superiore di sanità, ben il 90 per cento del fabbisogno giornaliero si ottiene semplicemente esponendosi al sole. Se quindi nella stagione fredda intemperie e impegni ci obbligano a trascorrere molto tempo in ambienti chiusi, occorre sempre cercare di ritagliarsi del tempo per godere delle ore di sole, per assorbire quanta più vitamina D possibile e per godere degli altri benefici della vita all’aria aperta.

Il ruolo della vitamina D.

Come spiegano gli esperti dell’Airc, «numerosi studi hanno dimostrato che la vitamina D migliora la densità minerale delle ossa, aiuta a prevenire le fratture negli anziani e nelle donne dopo la menopausa ed è anche fondamentale per sostenere il corretto sviluppo dei più piccoli». Secondo uno studio riportato sull’International Journal of Molecular Sciences, inoltre, la carenza di vitamina D potrebbe anche facilitare lo sviluppo di varie malattie oggi molto diffuse, come patologie cardiovascolari, diabete, malattie autoimmuni e cancro. Le ricerche sui benefici di questa molecola sono ancora in evoluzione e metteranno probabilmente in luce nuove evidenze di cui tener conto. Intanto è bene approfittare dei raggi solari e, se necessario, assumere integratori specifici su consiglio del medico o del farmacista di fiducia.

Categorie
Notizie

Una colazione abbondante può aiutare a dimagrire?

Se l’obiettivo è dimagrire, fare un’abbondante colazione per poi mangiare meno a pranzo e a cena potrebbe rivelarsi una strategia sbagliata. Lo sostiene un recente studio scientifico condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Aberdeen in Scozia e i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista statunitense Cell Metabolism. Gli scienziati hanno messo alla prova la veridicità della credenza comune secondo la quale, per dimagrire, bisogna fare il carico di energie a colazione, così da consumare meno cibo e calorie durante la restante parte della giornata.

Colazione abbondante vs cena abbondante.

Per dimostrare se tutto ciò sia effettivamente vero, i ricercatori hanno reclutato 16 uomini e 14 donne in sovrappeso, ai quali venivano costantemente monitorati i meccanismi metabolici. I partecipanti all’esperimento sono stati distribuiti in maniera casuale in due diversi gruppi: un gruppo avrebbe assunto più calorie al mattino, l’altro le avrebbe ingerite soprattutto a fine giornata. Le diete prescritte, seguite dai volontari per 4 settimane, prevedevano il 30% di proteine e la stessa quantità di grassi e carboidrati. A un certo punto dell’esperimento entrambi i gruppi hanno sospeso le rispettive diete per poi invertirle l’una con quella dell’altro. In altre parole, il gruppo che faceva una ricca colazione è passato a fare una cena abbondante e, viceversa, il gruppo che si nutriva soprattutto la sera è passato a farlo al mattino.

Risultati dell’esperimento.

In linea generale, i ricercatori hanno rilevato che il consumo energetico e la perdita di peso complessivi erano gli stessi in entrambi i gruppi.  I soggetti hanno perso in media poco più di 3 Kg per regime alimentare seguito. Stando ai dati, dunque, un’abbondante colazione non determina il modo in cui l’organismo metabolizzerà le calorie assunte successivamente. Tuttavia resta vero il fatto che una colazione sostanziosa allenta il senso di fame nell’arco della giornata.

Miti alimentari e scienza.

“Ci sono molti miti sulla nutrizione che non hanno fondamento scientifico – spiega Alexandra Johnstone, scienziata a capo del team di ricercatori di Aberdeen -. I nostri risultati potrebbero essere utili per aiutare le persone a stabilire un regime alimentare appropriato da seguire per perdere peso. È importante sottolineare che, quando si tratta di dieta, è difficile individuare un percorso universale, perché ogni organismo è a sé e risponde in modo singolare. Nei prossimi studi sulla nutrizione sarà importante valutare questi aspetti”.

Categorie
Notizie

Tumori della pelle: non solo melanomi

I tumori della pelle che non sono classificabili come melanomi (come, ad esempio, la degenerazione di un neo) si distinguono in base alle cellule che li generano. I carcinomi basocellulari (o basaliomi) derivano dalle cellule basali, quelle cioè appartenenti allo strato più profondo della pelle. I carcinomi spinocellulari (o a cellule squamose) derivano invece dalle cellule più superficiali dell’epidermide. Entrambe le tipologie di tumori cutanei costituiscono, nel loro insieme, oltre il 99% dei tumori della pelle diversi dai melanomi. Esiste poi la categoria dei tumori rari della pelle come il carcinoma a cellule di Merkel, il sarcoma di Kaposi, il linfoma cutaneo.

Tumori della pelle: quali sono i sintomi.

I tumori della pelle difficilmente presentano dei sintomi chiari, almeno nella fase iniziale del loro sviluppo. Nelle fasi successive, quando ormai sono abbastanza grandi, possono sanguinare, prudere e dolere nell’area interessata. Più che di sintomi, allora, è meglio parlare di segnali: ad esempio, una lesione o una macchia sulla pelle che cambia di aspetto possono configurarsi come segnali di un tumore cutaneo. I carcinomi spinocellulari si presentano come noduli o porzioni di pelle circoscritte da bordi ispessiti intorno a una depressione centrale, talvolta un’ulcera. Non sanguinano quasi mai e di solito hanno margini poco regolari. I basaliomi appaiono come piccoli noduli perlacei o macchie rosate o pigmentate che aumentano di grandezza (un po’ come i melanomi). Se si notano segnali del genere sulla propria pelle è sempre consigliabile rivolgersi a un dermatologo per una visita diagnostica chiarificatrice.

Tumori della pelle: come prevenirli.

Per ridurre quanto più possibile il rischio di sviluppare tumori della pelle occorre proteggersi dal sole, in particolare dai raggi ultravioletti. Evitare di esporsi ai raggi solari nelle ore più calde della giornata (tra le 10 del mattino e le 4 del pomeriggio, per esempio) può fare davvero la differenza in termini di salute della pelle. Nelle restanti ore della giornata è sempre bene indossare un cappellino con visiera o un cappello a falda larga insieme a un paio di occhiali da sole scuri. Ancora, sulle parti di cute scoperte (quindi anche quando si indossano t-shirt e pantaloncini corti, per intenderci) va spalmato o spruzzato un prodotto per la protezione solare adeguato alla propria tipologia di pelle. Un gesto da compiersi più volte al giorno, così da essere realmente protetti per tutto il tempo effettivo di esposizione al sole. Lo stato di salute della propria pelle va comunque monitorato periodicamente, anche aiutandosi con uno specchio all’interno di una stanza ben illuminata.

Come curare i tumori della pelle.

I tumori della pelle raramente evolvono in metastasi, a differenza dei melanomi. Di solito lo fanno dopo anni dalla loro comparsa, qualora non siano stati diagnosticati e curati per tempo. Nella maggior parte dei casi vengono rimossi quando sono ancora localizzati e circoscritti in un punto preciso del corpo. Tuttavia i carcinomi spinocellulari possono espandersi in metastasi se il sistema immunitario risulta debole o deficitario. Se presi in cura nelle fasi inziali, i tumori della pelle guariscono nella quasi totalità dei casi attraverso trattamenti locali o interventi chirurgici.

Categorie
Notizie

Uso sicuro dei farmaci, le regole per non correre rischi

Tutti i rimedi farmacologici e i parafarmaci sono efficaci se assunti quando davvero necessario e nel modo corretto. Solo il medico o il farmacista hanno le competenze professionali per stabilire se un medicinale è indicato o meno a un determinato soggetto e per un determinato disturbo. Questo perché, qualsiasi principio attivo, chimico o naturale che sia, ha effetti positivi ma anche indesiderati, che possono essere influenzati da numerosi fattori e interagire con altre sostanze farmacologiche o alimentari. La prima regola per assumere farmaci o parafarmaci in totale sicurezza è quindi quella di evitare sempre il fai da te. Lo ha ricordato con fermezza anche il ministero della Salute in una “Guida per l’uso sicuro dei farmaci”, che illustra le regole basilari per curarsi in sicurezza.

Parlare apertamente con il medico e il farmacista.

Spesso l’uso dei farmaci crea dubbi e perplessità nei pazienti, che devono invece curarsi con serenità. Per questo è giusto chiedere sempre spiegazioni al medico o al farmacista se qualcosa non è chiaro nella terapia. È inoltre sempre opportuno metterli al corrente di qualsiasi altra sostanza si stia assumendo, compresi integratori alimentari e rimedi fitoterapici, in modo che possano valutare eventuali interazioni. Vanno sempre indicati anche medicinali eventualmente prescritti da altri specialisti. Una volta iniziata la terapia, è fondamentale contattare il medico se dovessero presentarsi effetti collaterali inattesi e di cui non si era stati avvisati. Il supporto del medico o del farmacista è importante anche per chi assume più farmaci. «Se mi sono stati prescritti più farmaci per diverse malattie – esorta il Ministero – riferisco al medico o al farmacista la difficoltà a ricordare tutti i nomi e gli orari di assunzione ed eventualmente chiedo di scrivere sulle confezioni di ciascun farmaco a cosa serve e l’orario in cui va preso o di farmi un promemoria delle medicine che devo assumere con tutte le indicazioni per me necessarie».

Le conseguenze di un uso non necessario dei farmaci.

Importanti considerazioni vanno fatte anche su un uso non necessario dei farmaci che può avere conseguenze dannose non solo sulla persona che li assume senza averne bisogne, ma anche sull’ambiente e sulla futura efficacia dei medicinali. A tale proposito è opportuno ribadire che è in costante aumento a livello mondiale l’antibiotico resistenza, ovvero la capacità dei batteri di sopravvivere all’azione degli antibiotici. Questo fenomeno dipende in ampia misura dall’uso massiccio che si fa di queste sostanze che, se non limitato alle reali situazioni di necessità, rischia di continuare a crescere, rendendo inefficaci molti degli antibiotici attualmente in commercio. Un uso improprio di ogni tipo di medicinale, inoltre, ne provoca una dispersione nell’ambiente che poteva essere evitata. I farmaci vanno quindi utilizzati solo se prescritti e davvero necessari.