Categorie
Notizie

Bassi livelli di vitamina D nell’infanzia potrebbero causare problemi nell’adolescenza

Uno studio ha rilevato che avere poca vitamina D nel sangue da piccoli potrebbe causare problemi nel corso dell’adolescenza.

La carenza di vitamina D nella terza infanzia potrebbe provocare comportamenti aggressivi e stati d’animo ansiosi e depressivi durante l’adolescenza. È quanto rilevato da un nuovo studio dell’Università del Michigan, effettuato sui bambini delle scuole a Bogotá, in Colombia. Nello specifico, gli studiosi hanno evidenziato che i bambini con livelli di vitamina D nel sangue indicativi di carenza avevano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare problemi di comportamento esternalizzanti – comportamenti aggressivi e di violazione delle regole – come riportato dai loro genitori, rispetto ai bambini che avevano livelli più alti di vitamina. Inoltre, bassi livelli di proteine ​​che trasportano la vitamina D nel sangue erano correlati a comportamenti aggressivi più autosufficienti e sintomi ansiosi / depressi. Le associazioni erano indipendenti dalle caratteristiche del bambino, dei genitori e della famiglia.
Nel 2006 i ricercatori hanno reclutato 3.202 bambini di età compresa tra 5 e 12 anni, attraverso una selezione casuale di scuole pubbliche primarie, ottenendo informazioni sulle abitudini quotidiane dei bambini, il livello di istruzione materna, il peso e l’altezza, nonché l’insicurezza alimentare e lo stato socioeconomico della famiglia. Inoltre, gli studiosi hanno anche prelevato campioni di sangue. Dopo circa sei anni, quando i bambini avevano 11-18 anni, gli investigatori hanno condotto interviste di follow-up di persona in un gruppo casuale di un terzo dei partecipanti, valutando il comportamento dei bambini attraverso questionari che venivano somministrati ai bambini stessi e i loro genitori. Le analisi sulla vitamina D includevano 273 di questi partecipanti. Mentre gli autori riconoscono i limiti dello studio, inclusa la mancanza di misure comportamentali di base, i loro risultati indicano la necessità di ulteriori studi che coinvolgono esiti neurocomportamentali in altre popolazioni in cui la carenza di vitamina D può essere un problema di salute pubblica.