Categorie
Notizie

«Le tossine ambientali compromettono il sistema immunitario per più generazioni»

Una ricerca del centro medico dell’Università di Rochester conferma che l’inquinamento industriale può arrecare danni al sistema immunitario dei figli.

L’esposizione materna a una forma comune e onnipresente di inquinamento industriale può danneggiare il sistema immunitario della prole. Inoltre, questa lesione viene trasmessa alle generazioni successive, indebolendo le difese dell’organismo contro infezioni come il virus dell’influenza. È quanto emerge da uno studio condotto dal dipartimento di medicina ambientale dell’Università di Rocherster Medical Center (Urmc), pubblicato sulla rivista Cell Press iScience.  Mentre altri studi hanno dimostrato che l’esposizione ambientale agli inquinanti può avere effetti sulla funzione riproduttiva, respiratoria e del sistema nervoso attraverso più generazioni, la nuova ricerca mostra per la prima volta che anche il sistema immunitario è influenzato.
Questo indebolimento multigenerazionale del sistema immunitario potrebbe aiutare a spiegare le variazioni che si osservano durante episodi di influenza pandemica e stagionale. I vaccini antinfluenzali annuali offrono ad alcune persone una protezione maggiore rispetto ad altri e durante epidemie di pandemia alcune persone si ammalano gravemente, mentre altre sono in grado di combattere l’infezione. Sebbene l’età, le mutazioni del virus e altri fattori possano spiegare alcune di queste variazioni, esse non tengono pienamente conto della diversità delle risposte all’infezione influenzale riscontrate nella popolazione generale.
Nello studio, i ricercatori hanno esposto topi in gravidanza a livelli rilevanti dal punto di vista ambientale di una sostanza chimica chiamata diossina, che, come i bifenili policlorurati (PCB), è un sottoprodotto comune della produzione industriale e dell’incenerimento dei rifiuti e si trova anche in alcuni prodotti di consumo. Queste sostanze chimiche si fanno strada nel sistema alimentare dove vengono infine consumate dall’uomo. Le diossine e i PCB si accumulano mentre si muovono verso l’alto nella catena alimentare e si trovano in concentrazioni maggiori nei prodotti alimentari di origine animale. Ebbene, l’ipotesi degli autori dello studio secondo cui l’esposizione alla diossina, che lega una proteina nelle cellule chiamate AHR, altera in qualche modo la trascrizione delle istruzioni genetiche. L’esposizione stessa non innesca una mutazione genetica, piuttosto il meccanismo cellulare con cui vengono espressi i geni viene alterato e questo fenomeno viene trasmesso alle generazioni successive.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.